Campionato italiano savate assalto 2008

Il 17-18 maggio si sono svolti all’interno della fiera del fitness a Rimini i campionati italiani di tutti gli sport da combattimento, tra le quali c’era anche la savate assalto!

Come tutti quelli che sono passati da quelle parti già sapranno… a livello organizzativo la manifestazione a lasciato un po’ a desiderare…. e questa volta non perchè ci sono stati pochi spettatori…. ma perchè c’erano troppe persone in uno spazio troppo ridotto!Vi basti pensare che tra la fine dei tatami e gli spettatori c’erano si e no 20cm… gli atleti non avevano un posto dove scaldarsi…. a meno che uno andava al di fuori dell’area adibita alla nostra manifestazione con il rischio di non sentire la chiamata per il proprio combattimento e di perdere così per squalifica!

Non so cosa sia successo…. gli organizzatori non si aspettavano forse un’adesione così alta (1056 atleti tra tutti gli sport)? Boh mistero della fede! Fatto è che hanno tralasciato troppi dettagli… come il fatto di mettere gli stand dei negozi per questi sport troppo vicini alla competizione (2m al max) e di metterli tutti uniti assieme senza lasciare più spazi per entrare ed uscire dalla zona di gara!Vi basti pensare che c’erano 4 ring e 4o5 tatami e un unico ingresso per entrare nell’area di gara…. ovviamenti atleti e spettatori potevano passare esclusivamnte da quel punto… quindi immaginate l’ingorgo… e per giunta indovinate un po’ dove si trovava questo unico ingresso….. ovviamente davanti al tatami della savate ci sono state persone che nei momenti di pausa tra gli incontri pensavano bene di passarvici sopra per spostarsi da un combattimento all’altro con più facilità! 🙁

Ce solo una parola che possa esprimere il mio pensiero…Indegnazione sia per quanto riguarda l’igene sia per quel che riguarda il rispetto per lo sport!

Ma adesso passiamo al resoconto della gara!

Categorie

-48 kg donne:

Nella semifinale si trovano a confronto Denise Alessandroni ( stella nascente della scuola mameli) e Claudia Cimino (atleta di esperienza e vincitrice delle scorse edizione dei campionati italiani). Il match è molto equilibrato ma per i giudici la bilancia pesa di più dal lato della Genovese Denise che così passa in finale!

Nella seconda semifinale vediamo contrapposte un atleta pugliese (di cui vi dirò al più presto il nome) del M° Matteo Moreo alle sue prime esperienze, e Silvia La Notte rinomata atleta milanese che ha al suo attivo un titolo mondiale savate combat e un titolo europeo savate assalto.Nulla da fare per l’atleta pugliese. Nella finale quindi si vedono contrapposte Denise Alessandroni e Silvia La Notte… nonostante gli sforzi della giovane atleta genovese.. Silvia ha la meglio dando prova ( come già sapevamo) di ottime doti tecniche e tattiche!

-52Kg donne: Purtroppo in questa cat non ricordo tutti gli incontri.

Le atlete in competizione sono 5 :2 di Roma (Silvia De Paolis e Fares Stefania, 2 milanesi ( Elena Mangiardi e Piffer Francesca) e una a cui chiedo anticipatamente le mie scuse che non ricordo!

Il primo incontro (quarto di finale) vede  la vittoria dell’atleta Piffer ai danni di Faress Stefania!

Nella prima semifinale troviamo una agilissima Silvia De Paolis che con i suoi innumerevoli e precisi calci batte la sua avversaria senza troppi problemi!

Nella 2° semifinale si scontrano l’atleta Piffer Francesca contro Elena Mangiardi le atlete già si conoscono e si sono incontrate ai campionati regionali della Lombardia in cui la Mangiardi batte la Piffer… quindi partono entrambe con una certa grinta… e il match è molto combattuto, questa volta però il risultato è differente, c’è la prevalenza della Piffer che si aggiudica così l’ingresso in finale!

Arriviamo ora alla finale della categoria!

Prima di passare alla recensione un brava ad entrambe l’atlete per la loro tenacia! Finale che vede di fronte Silvia De Paolis e Piffer Francesca! In guard e Alè …il combattimento entra subito nel vivo, le ragazze tutte e due determinate alla vittoria non si danno tregua un attimo. Da una parte c’è Silvia che usa principalmente le gambe dall’altro c’è Francesca che predilige le braccia! Termina il primo round con l’ago che si trova a parer mio perfettamente al centro della bilancia! Il discorso cambia nei 2 round successivi quando Silvia spinge maggiormente sull’acceleratore  determitata a strappare la vittoria all’atleta di Milano…. ma… alla fine dell’incontro…. dopo una prolungata attesa… il verdetto anche se di misura (2 cartellini a 1) determina la vittoria della Piffer sotto lo sguardo incredulo del team di Silvia  l’Ecole de Combat ( che sicuramente porterà avanti un ricorso), del 90% degli spettatori e della stessa Francesca!

Cmq tra un po’ di giorni mettero il filmato della finale su internet in modo da permettere a voi tutti di giudicare!

-56Kg donne

Eccoci arrivati finalmente alla mia categoria 5 atlete in totale: 2 di Roma (Massari “The witch” Manuela, Claudia D’angelo), 2 Atlete della lombardia (Sala Luciana e Ariano Aminta) e una 5 che come al solito mi sfugge!Scusami! Primo incontro nei 4 di finale vede contrapposte Claudia D’angelo alla 5° atleta che finisce cmq con la sconfitta dell’atleta romana!

Prima semifinale Manuela Massari contro l’atleta di Milano Amita Ariano… l’atleta milanese cerca di pressare da subito Manuela che però riesce con nonchalance evitare i suoi colpi e a mettere a segno diverse tecniche di pugni e di calci!Il combattimento viene assegnato all’unanimità dei giudici a The witch!

Seconda semifinale vede contrapposta sempre “l’innominata” a Sala Luciana nuova atleta nel mondo della savate (ma che malgrato questo nel regionale in Lombardia si aggiudica il premio come best fighter) ,L’atleta ha al suo attivo svariati match nel light contact ed è dotata di una altezza inequiparabile sopratutto considerando il peso! Match finisce inequivocabilmente con la vittoria della Sala!

Finalmente arriviamo alla finale Massari Manuela dell’Ecole de combat di Roma e Sala Luciana della Green Power Gym dalla Lombardia! Il match parte subito ad alti livelli, le 2 atlete vogliono subito imporre la loro supremazia…. sicuramente  il fatto che l’atleta milanese sia così alta infastidisce Manuela che pressa e cerca di non dare mai spazio a Luciana, che molto spesso è costretta a legare( sopratutto nella 2° ripresa) per uscire da situazioni scomode! Ma cmq il match sta sempre più pendendo dalla parte della romana. Nella 3° ripresa, grazie anche hai giusti suggerimenti dell’allenatore di Manuela M° Marco Gilotti, si vede quella differenza di livello sia tecnico che tattico da parte dell’atleta dell’ecole de combat . La Sala si trova spesso a terra dovuti agli anticipi di gambe di Massari…. penso che in questo caso l’inesperienza della Luciana in questa disciplina sia stata decisa! L’incontro finisce con la vittoria unanime di Manuela Massari che per il 6° anno consecutivo viene incoronata campionessa italiana!

-60kg donne Mi scuso perchè non ho seguito tutte le fasi e quindi mi limiterò a metrtere solo quelle che ricordo!

Le atlete in categoria erano 5 purtroppo ne ricordo solo 3: 1 di Roma (Donnini Manuela), 1 di Genova (Valentina Carraro), 1 di Pavia (Bongallino Marika), Se cmq qualcuno conosce gli altri nomi e me li volesse spedire sarò ben lieta di aggiornarli!

Prima semifinale vede opposte l’atleta genovese contro l’atleta lombarda… entrambe hanno dimostrato di avere molta grinta e un ottima preparazione tecnica dando vita ad un combattimento molto equilibrato, alla fine delle terza ripresa cmq anche se di misura la possibilità di accedere alla finale è data all’atleta lombarda Marika.

Chiedo scusa ma arrivo subito alla finale che vede di fronte l’atlete Donnini e Bongallino! Che dire… combattimento molto acceso… forse un po’ ai limiti dell’assalto a livello di forsa nei colpi… le atlete non si tirano indietro e ad ogni attacco c’è sempre un contrattacco…il risultato finale e che  l’atleta romana Manuela Donnini vince il titolo di campionessa italiana.

-65kg donne

3 atlete in carica per il titolo italiano: 1 romana (Valentina Perini), 1 milanese (Valeria Ravasi) e come potevo smentirmi in questa categoria… 1 terza atleta di cui non conosco nè nome nè provenienza!

Arrivo subito alla finale che è stata disputata da Valentina contro Valeria…. Le atlete vantano entrambe un buon curriculum con partecipazioni e risultati a livello anche internazionale. Le atlete già si conoscono e per questo ci fanno entrare già dai primi secondi di combattimeneto nel vivo dell’incontro, che dopo 3 riprese intense viene assegnato alla già pluricampionessa italiana Valentina Perini del M° Stefano Masani.

-70kg donne

Finale diretta in questa categoria che vede di fronte le atlete Burgio Serena della Mameli di Genova contro Proietti Claudia del team De Fedilta di Roma. Anche se entrambe le atlete sono alle prime esperienze, si è potuto vedere un bell’incontro, che alla fine ha visto prevalere Burgio Serena, che così conquista il titolo di campionessa italiana!

Ora passiamo agli ometti…. ovviamente la mia memoria non è tale da permettermi di ricordare tutte le categorie quindi farò un resoconto solòo degli incontri che ricordo mentre nelle altre categorie metterò solo il risultato della finale!

-56Kg uomini

Zenzolo Vitale (liguria)

-60Kg uomini

Parodi Lorenzo (Liguria) batte Cassinai Davide (Liguria)

-65Kg uomini

Bianchi Daniel (Liguria) batte Giliberti Fabrizio (Lazio)

-70Kg uomini Categoria molto numerosa infatti gli atleti in competizione erano 8: 2 da Roma (Alessandro “El mosquito” Caruso, Vittorio “ciuchinosavateur” De Angelis”), 3 dalla Liguria (Alfredo Genchi, Marco Landi,…………..), 2 della Lombardia (Olimpio Carlo, Tenconi Marco) e un’ultimo atleta di cui non ricordo nè nome nè regione (chiedo scusa). La gara si svolgera in 4 quarti di finale, 2 semifinali e una finale!

Primo combattimento vede opporsi l’esperto Marco Landi al novizio Vittorio De Angelis…. che anche se ce la mette tutta nulla può contro il suo avversario…. più preciso nelle tecniche  e sicuramente più “smaliziato”.

Il terzo combattimento viene vinto da uno dei veterani della savate Alfredo Genchi!

Il quarto combattimento vede contrapposti “El Mosquito” Caruso contro un giovane ma promettente atleta della palestra Andrea Doria di Genova ( al più presto scriverò il nome). Combattimento di alto impatto tecnico… i due atleti si scambiano i colpi con un ritmo eccezionale ma in ogni confronto si nota sempre la superiorità di Alessandro che vince così l’incontro!

Prima semifinale : Vince Landi

Seconda semifinale: ai 2 angoli troviamo Genchi e Caruso… 2 ottimi atleti, con grande esperienza  e risultati sia a livello nazionale che internazionale… si preannuncia un bel match, e per questo i presidenti di giuria chiedono al sig. Falsoni(presidente della F.I.K.B.) di assistere all’incontro. l’incontro conferma le aspettative e dopo 3 accese riprese il risultato è che “El Mosquito” conquista la finale!

Finale: Landi contro Caruso… a parere della commissione meritata finale per entrambi gli atleti che da subito mostrano la convinzione di volersi aggiudicare l’incontro e volare così ai mondiali che si terranno a settembre a Parigi. Girati, anticipi, calci volanti, doppiati tutto in 3 intense riprese…. che portano alla fine dell’incontro all’incoronazione del ( già 7 volte campione italiano savate assalto e attuale campione italiano savate combat) El Mosquito Alessandro Caruso.

-75Kg uomini

Pati Federico (Lombardia) batte Toti Emanuele (Lazio)

-80Kg uomini

Genovese Danilo (Lazio) batte Bartocci Riccardo (Lazio)

-85Kg uomini

Poichè gli atleti in questa categoria erano solo 2 ed entrambi di Roma…. la finale si è svolta il 25 maggio a Guidonia (Rm). I 2 Atleti in competizione erano Marco Bernardi (Ecolè de Combat, M;° Gilotti) e  un Atleta della fitness50 del M° Masani.Incontro molto combattuto che alla fine porta a un verdetto di maggioranza che dà la vittoria di Marco Bernardi.

+85 Kg uomini

Di Donna (Lazio) batte Ardisone Thomas (Liguria)   

 

 

 

Campionato italiano savate assalto 2008ultima modifica: 2008-05-26T07:55:00+02:00da combatfish
Reposta per primo quest’articolo